testata

Concerto verdiano

"Aprica ha fatto le cose in grande"

Hanno applaudito i 127 elementi di coro e orchestra circa 1200 appassionati

Aprica, 28 luglio 2013. Magnifico e applauditissimo il concerto tenuto ieri sera nel Santuario di Maria Ausiliatrice a San Pietro di Aprica.

Un concerto da far venire i brividi per l'impeccabile esecuzione delle grandi musiche verdiane proposte, in massima parte tra le più conosciute del maestro emiliano, ma con anche brani meno noti, come il Concerto delle Nazioni.

verdi
 

Qualche intenditore ha solo fatto notare che l'orchestra, in alcuni momenti, sovrastava troppo il coro o il solista di turno. Ma è la voce interessata di uno spettatore che è anche corista dilettante. Lo stesso turista-corista, ha però commentato, a mente fredda: "Aprica ha fatto ancora una volta le cose in grande".

Protagoniste sono state senza dubbio l'Orchestra sinfonica Gaetano Donizetti, composta da professori dell'Orchestra sinfonica nazionale della Rai di Torino, e la Corale Santi Pietro e Paolo di Gessate, diretta dal maestro Costante Ronchi. Ha diretto il concerto il maestro Rafael Sánchez Araña, direttore artistico Mario Ronchi. Grandi consensi da parte di tutto il pubblico anche ai tre solisti, il tenore Luigi Frattola, il basso Alberto Rota e la soprano Gabriella Locatelli.

concerto Verdi in Aprica concerto Verdi in Aprica

Al termine, prima del bis, un emozionato e applaudito Bruno Corvi, il vicesindaco che ha voluto l'evento, ha omaggiato la soprano di un bel mazzo di fiori, mentre il sindaco Carla Cioccarelli è apparsa più a suo agio, sia quando all'inizio ha salutato e ringraziato la folla presente, sia quando ha fatto gli onori di casa alla fine del concerto, omaggiando una mezza dozzina di protagonisti con altrettanti libri fotografici a colori di Aprica e dintorni.

Soddisfazione anche per il Coro parrocchiale di Aprica "Maria Ausiliatrice", gratificato dell'inserzione tra le file della Corale di Gessate per i brani finali.

Due i bis concessi, con il Va pensiero finale, applaudito tanto da far vibrare i muri del possente santuario di Maria Ausiliatrice. Che Don Augusto Azzalini ha fatto progettare solido e resistente.

(www.apricaonline.com)